Luogo - Sapori del Gargano

Vai ai contenuti

Menu principale:


Gli antichi romani chiamavano "Daunia" la zona dell’Alto Tavoliere delle Puglie, l’attuale provincia di Foggia ai piedi del Gargano. È una vasta pianura dedicata all’agricoltura: olio d’oliva extravergine, grano duro, vigneti di alta qualità e ortaggi. 
La zona collinare dell’agro di San Paolo di Civitate (FG) gode di un microclima favorevole che la rende adatta particolarmente alla coltura degli ulivi; è un alternarsi di collinette a zone pianeggianti a una ventina di Km in linea d’aria dal mare e contemporaneamente accarezzata dal vento proveniente dalla Maiella. È in questa felice zona che si trova la proprietà dei fratelli Trotta.

Un po' di storia...
Il primo insediamento in territorio di San Paolo di Civitate risale al I millennio a.C., quando popolazioni daune vi fondarono l'importante insediamento di Tiati (o Teate). Conquistato dai Romani nel 318 a.C., Tiati assunse il nome di Teanum Apulum e divenne un municipium dotato di autonomia amministrativa.
Nel 1571 fu distrutta totalmente dai saraceni, perciò la popolazione si trasferì in un luogo più sicuro, una collinetta da cui si scorge il Gargano e il preappennino, precisamente l’attuale San Paolo allora denominata dei Greci. Il fiume Fortore e l'affluente Staina solcano le sue terre rendendole particolarmente fertili.
Il 30 luglio 1627 un violento terremoto la distrusse quasi integralmente.
Nel 1862 il comune cambiò il nome in San Paolo di Civitate.
 
Torna ai contenuti | Torna al menu